Gerola Alta: Lo Pan Ner 2019 incontra Gustosando

Settembre 10, 2019

Il mulino, risalente al XVII secolo, è tuttora funzionante e viene attivato in occasione di eventi e manifestazioni. Oltre alla macinatura dei cereali (in particolare la farina di granturco per la preparazione della polenta) il mulino era utilizzato per la produzione di farina di castagne. All’interno del mulino è possibile vedere una pietra con fori semicircolari: sono una parte delle “peste” per pulire l’orzo dalla pula. Il meccanismo, sempre alimentato ad acqua, consisteva in grossi pali verticali che, una volta sollevatisi da terra ricadevano all’interno delle conche pestando l’orzo al loro interno.
L’antico forno di Castello è un forno a legna risalente al XVII secolo, perfettamente funzionante che ha oggi una funzione principalmente storico-didattica. È inserito in una casa che si trova a pochi passi sulla destra rispetto al lavatoio del paese. Il piano terra è costituito da un locale dove si apre maestosa la bocca del forno a cupola; sopra di essa si trova il buco del camino da cui, incanalato nel tubo esterno, fuoriesce il fumo. Accanto al forno vi è un piccolo locale per la lievitazione delle forme prima della cottura. Al piano superiore si trova un locale per la preparazione degli impasti. Il forno è gestito dall’Associazione “I Castelàa” che prepara la tradizionale bisciola, il pane di castagne e fichi, il pane di segale.

Come arrivare

Vedi anche